Olivicoltura: gettate le basi per una cooperazione con gli spagnoli

Condividi

La realtà olivicola spagnola come modello di crescita economica integrata alla tutela del territorio. E’ quanto emerso da una visita formativa che si è svolta in Spagna nei giorni scorsi e che ha gettato le basi per una stretta e proficua collaborazione con il mercato iberico, che potrebbe portare ad enormi vantaggi anche al mondo olivicolo italiano e pugliese in particolare.

Anche i colleghi spagnoli, attualmente a causa soprattutto della guerra, stanno subendo dei rincari senza precedenti. Ma gli olivicoltori pugliesi in missione, insieme alla Copagri, hanno focalizzato l’attenzione sui metodi di commercializzazione e soprattutto sui costi di produzione spagnoli. “Il bilancio è più che positivo, in quanto oltre ad aver avuto modo di conoscere una nuova e stimolante realtà, abbiamo stretto importanti accordi di collaborazione e ipotesi di commercializzazione; l’obiettivo della nostra missione è stato raggiunto in pieno anche grazie alla disponibilità delle aziende ospitanti e sono, inoltre, particolarmente contento dei numerosi confronti che si sono svolti tra i nostri agricoltori e i loro omologhi spagnoli, con i quali abbiamo scoperto di condividere moltissimi aspetti del nostro lavoro”, aggiunge il presidente della Copagri Puglia e dell’OP Olivicoltori Pugliesi Tommaso Battista.

Molto importante per gli olivicoltori italiani allargare il campo di conoscenza ed azione che potrebbero portare anche a scambi interaziendali.


Condividi