Cosa coltivare nell’orto invernale

Condividi

L’inverno si sa, non è proprio il periodo migliore dell’anno per mettersi a fare l’orto. In questo articolo cercheremo di consigliarvi qualche piantina molto resistente al freddo e che per questo può essere coltivata senza brutte sorprese anche durante la stagione invernale.

Il re degli orti a partire dalla fine di ottobre è sicuramente il cavolo, a partire da quello riccio, passando per il cavolo nero e finendo al cavolo verza, avete ampia scelta di manovra. Qualsiasi varietà di cavolo infatti può essere coltivata senza problemi. Vi consigliamo di piantarli a partire da fine agosto e di lasciarli maturare fino a dicembre inoltrato. Nel caso in cui il vostro orto sia molto esposto alle nevicate e alle gelate notturne improvvise è buona norma coprire la piantina con un telo antigelo in plastica facilmente reperibile in commercio.

Il secondo ortaggio che vi proponiamo di coltivare è il carciofo. Forse non piace proprio a tutti ma durante il periodo che va da novembre a febbraio regala veramente grandi soddisfazioni. Potete cimentarvi in questo frutto, eh sì, forse non tutti lo sanno che la parte spinosa commestibile della pianta del carciofo è proprio il suo frutto, solo se abitate vicino al mare o comunque in un territorio in cui le nottate non sono troppo fredde, teoricamente le temperature non devono scendere sotto i 5 gradi per più giorni consecutivi.

Da ultimo vi consigliamo il broccolo. Questa pianta ha foglie molto lunghe e alte e agli inizi di novembre ci regala il suo frutto, il vero e proprio broccolo commestibile. Un accorgimento per evitare che risenta troppo del freddo è quello di legarvi sopra le foglie circostanti a modo di protezione. Eviterete così gelate e pioggia fredda che potrebbe far marcire il fiore rendendolo non buono.

Ovviamente anche l’insalata può essere coltivata, a patto che vengano scelte varietà resistenti come la trevisana, l’indivia belga o la cicoria Milano.

Seguite i nostri consigli e il vostro orto risplenderà anche durante l’inverno.


Condividi